Giuseppe Pipino. Zolfo e minerali di ferro nella protostoria e nella storia dell’isola d’Ischia.

Da decenni gli storici dell’antichità si chiedono quali fossero state le ragione che avevano spinto i greci a stanziarsi ad Ischia, nell’VIII sec. a.C., e litigano sul tipo e sulla definizione da dare allo stanziamento: apoikia (colonia) o emporion (base commerciale)? Le ragioni delle parti sono analizzate da GRECO (1994) e da CASTAGNA (2011), ed entrambi convengono che la cosa non può trovar risposta dai ritrovamenti archeologici…

Leggi tutto nell’allegato: Ferro e Zolfo

Autore: Giuseppe Pipino – info@oromuseo.com

Alessandra Fragale. La Sibilla cumana e il suo Antro.

L’uomo ha sempre cercato risposte ai propri interrogativi, invocando il divino, costruendo un luogo fisico per poter comunicare direttamente con esso e preoccupandosi di ogni mezzo che potesse favorirne l’incontro, per questo appaiono frequenti sacerdotesse, pitonesse, oracoli e sibille che erano delle prescelte per questo tipo di ritualità religiosa…

Leggi tutto nell’allegato: La Sibilla Cumana e il suo Antro

Autore: Alessandra Fragale – alessandra.fragale@virgilio.it

Carmine Venezia. L’ordinamento archivistico secondo il principio di pertinenza: esempi di applicazione a Trento.

L’attività lavorativa e dottorale che lo scrivente ha svolto a Trento tra il 2018 ed il 2020 – per conto, rispettivamente dell’Archivio di Stato di Trento e dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” – ha consentito di rilevare diverse casistiche di ordinamento archivistico in base al principio di pertinenza ed è stata occasione per un approfondimento dottrinario finalizzato all’analisi delle stesse…

Leggi tutto nell’allegato: L’ordinamento archivistico secondo il principio di pertinenza

Autore: Carmine Venezia – carmine.venezia@alice.it – Direttore dell’Archivio di Stato di Caserta

 

Cinzia Loi. Su alcuni impianti vinari di Ardauli (OR).

Nel territorio di Ardauli, nella regione storica del Barigadu (Sardegna Centrale), attraverso varie campagne di indagine e di ricerca sul campo, sono state individuate finora 10 vasche vinarie scavate su massi di roccia isolati, alcune delle quali utilizzate fino a epoca recente. A ciò si aggiungano alcuni impianti fissi scavati nella roccia affiorante, costituiti da un sistema di due vasche comunicanti attraverso un foro o un’apertura a canaletta…

Leggi tutto nell’allegato: Su alcuni impianti vinari di Ardauli (OR). C. Loi

Autore: Cinzia Loi – loicinzia71@gmail.com

Ricerche, Studi, Tesi e Saggi