Nicoletta TRAVAGLINI: Malanoctem.

Correva l’anno milletrecento e … ed il mastio si ergeva con la sua ieratica imponenza, proprio a picco sul fiume Sangro, quasi a volersi specchiare sulle sue limpide acque. Il castello rischiarato da una miriade di torce sembrava brillare di una luce quasi diurna, mentre Oderisio, il signore e padrone della rocca, si preparava a trascorrere una piacevole serata in compagnia delle dame e cavalieri che risiedevano alla sua corte.

Cupi presentimenti

I musici allietavano la serata con i loro canti, mentre i giullari e i saltimbanchi, facevano divertire adulti e bambini con i loro giochi e scherzi. Le tavole imbandite traboccavano di cacciagione e vino, la serata trascorreva tra risa canti, danze, giochi e affari, tutto sembrava perfetto, poiché nessuno percepiva la nera ombra di sventura addensarsi all’orizzonte. Solo alcune oscure figure, che vivevano nel castello, forse alchimisti, maghi o semplici veggenti, avvertivano l’imminente fine.
Passarono giorni e giorni senza storia, mentre la rocca ed il suo borgo, sembrava non avvertire questa nera cappa che l’avvolgeva in un fatale abbraccio.
L’operoso villaggio non notava l’insolito volo di corvi sulle merlature del possente e vasto maniero, il triste canto delle civette e, soprattutto il lento ma inesorabile avvicinarsi di un feroce signore confinante, che pericolosamente e minacciosamente si stava ammassando lungo i confini del feudo.

Oderisio al fine notò l’inusuale spiegamento di guerrieri e così rafforzata la sorveglianza del borgo e della rocca si preparò ad affondare l’oscuro nemico.
La battaglia fu cruenta e mentre una pioggia di frecce sibilavano nell’aria, un denso fumo e le fiamme avvolgevano il borgo, l’odore del sangue si spandeva nell’aria, resa pesante da denso fumo che si levava ormai anche dalla rocca. Non c’era più speranza di salvezza e così il nobile dovette arrendersi alla cruda realtà ed accettare l’ignominiosa resa con la quale egli dovette concedere al nemico, per una notte, tutte le donne del borgo.

La tragica resa
Le urla, i pianti, i gemiti e il rumore metallico delle armature si spandevano nell’aria di un triste imbrunire, mentre si preparava una notte di terrore per gli sconfitti, che solo il nascere di un nuovo e tragico giorno avrebbe posto fine a tutto, come gli spensierati giorni di un passato ormai lontano. In ricordo di quella tragica e violenta notte questo feudo fu chiamato Castel di Malanoctem, che in seguito venne mutato in Buonanotte.

Questa è una delle tante leggende che aleggiano intorno all’origine del nome del delizioso e accattivante paesino di Montebello sul Sangro, narrato qui, in maniera romanzata, poiché alcune fonti riportano questi fatti come realmente accaduti.

Montebello sul Sangro

Questo scorcio ameno d’Abruzzo è formato da due centri separati, cioè il borgo antico dove si sono verificati i fatti narrati, e quello nuovo che abbraccia l’altro versante di Monte Vecchio, nella media valle del Sangro. Questi due centri, sono immersi in un oceano di verde, tra macchia mediterranea e pascoli erbosi, che rendono ancora più suggestiva la posizione di questo delizioso paese, che oggi si affaccia direttamente sul Lago artificiale di Bomba.

La parte vecchia di Montebello, interamente abbandonata nella seconda metà del Novecento in seguito a frane che rischiavano di distruggerlo dalle fondamenta, è costruita su un poggio roccioso.
Le sue origini risalgono, probabilmente, al XII secolo; nel 1300 fu un feudo di Oderisio, successivamente fu un dominio dei Caldora, quindi di Raimondo Annichino, infine nel XVIII secolo fu proprietà dei Malvezzi Malvini di Bologna e oggi è solo uno dei tanti borghi storici ricoperti dalle sabbie e dall’usura del tempo, con vestigia di un passato violento, ma affascinate.

Autore: Nicoletta Travaglini

Andrea ROMANAZZI: All’Ombra dei Cavalieri del Tempio – Sovereto (Terlizzi – Ba) e le nuove scoperte.

…AD HONOREM. DEI ET VIRGINIS. MARIE…

A pochi chilometri dal comune di Terlizzi, in provincia di Bari, è sito uno dei più affascinanti e misteriosi luoghi di Puglia, crocevia per i pellegrini in transito lungo l’antica via Appia verso la Terrasanta, e da sempre “centrum” di antiche conoscenze e scrigno di antichi segreti templari. Sarà così per giungere al cospetto della Vergine dal volto scuro, “nigra sum sed formosa”, dovremo addentrarci tra antichi culti preistorici e megalitici, misteriosi simboli di arcane religioni e affreschi templari tracce indissolubili di un passato che ancora riecheggia tra le mura della bellissima chiesa di Santa Maria di Rovereto.

Fin dal periodo protostorico il sito doveva essere ritenuto un “Omphalos”, un luogo ove, con una accezione simile all’Etemenanki biblica, il “divino” si unisce con il “terrestre” e dove non c’è confusione di lingue. Il concetto di centro sacro lo troviamo in moltissime tradizioni che tagliano trasversalmente l’intera Europa, dall’Italia alla Grecia, dalla Bretagna alla Scandinavia. Il culto viene descritto già in Pausania che narra di pietre sacre e nella stessa Genesi, esso e’ l’idea di una proiezione in terra di un centro celeste, il “loco” ove dimorano gli dei. In Omero, per esempio, l’isola di Ogigia è detta l’ombelico del mare, è solo in questo luogo, ove umano e divino posson dialogare, che Ulisse incontra una dea, Calipso, l’elemento femminile, che lo rigenera, lo rinsavisce e finchè vi rimarrà potrà esser immortale.

Da sempre il primitivo ha così cercato di indicare ai suoi simili questi mistici luoghi di culto, questi “centri sacri” con Betili e menhir, tradizione che già ritroviamo nella Bibbia ove si narra di Giacobbe che, durante il suo viaggio “essendo giunto in un certo luogo, e volendo riposarsi dopo il tramonto del sole, prese una delle pietre che stavano per terra e, ponendola sotto la testa, dormì in quello stesso luogo. E vide in sogno una scala che poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo, e vide anche alcuni angeli che vi salivano e vi scendevano. E in cima alla scala vi era il Signore, che gli diceva :” io sono il Signore, il dio di Abramo, tuo padre, e il dio di Isacco. La terra sulla quale ti sei coricato la darò a te e alla tua discendenza”. Alla mattina, svegliatosi dal sonno e intendendo il potere della pietra che si era posto come guanciale, Giacobbe la alzò, la piantò sulla terra a mò di stele e sparse dell’olio sulla sua sommità e pronunciò queste parole: ” Questa pietra, che ho innalzato come tempio, sarà chiamata casa di Dio”: Bethel.

E’ così seguendo questo mistico filo d’Arianna che approdiamo all’Ogigia pugliese, il mistico omphalos di Sovereto. Etimologicamente per diversi studiosi il suo nome sembrerebbe provenire da “Suberitum” e cioè da suber, sughero, ma intrigante è l’idea di una derivazione diversa, forse da “sovra ereto” o meglio “eretto sopra”, significato che fa pensare ad un qualcosa di importante sotto la contrada e che ci riporta nel grembo ctonio della madre terra. Del resto già nelle campagne limitrofe troviamo i segni di antichi rituali le cui pietre sono rimaste uniche e silenti testimoni, ed ecco così che nel vicino Bosco delle vergini sono presenti ben quattro menhir allineati, un piccolo leys sicuramente molto più fitto in passato, ma che pian piano l’ignoranza popolare ha distrutto. Tornando alla nostra Chiesa la leggenda vuole che nell’anno 1000 un contadino, alla ricerca di una sua pecora scomparsa dal gregge, trovasse, in una grotta, una icona della madonna e una lampada accesa. Nacque così, il culto di S. Maria di Sovereto. Se esaminiamo attentamente la leggenda essa nasconde echi di antichi culti pagani, i ricordi del culto della Dea Madre che riecheggiano nella mistica grotta, il ventre materno della dea, da sempre il primo luogo di culto dell’uomo primitivo e nella pecora o meglio ancora nella capra, animale totemico della divinità,

Silvia DEL NERO: Il tabagismo.

La scelta tra il fumo e la salute si pone a ciascuno di noi, in periodi diversi della nostra vita. Il fumo, appunto, è un grave problema sociale-politico, in cui le gioie che derivano all’uomo da un vivere sano si scontrano con gli interessi di una delle industrie più fiorenti del mondo, che prospera su una delle abitudini più radicate e largamente diffuse.

Sono quasi cinquecento anni che la piantina del tabacco è stata importata (1518) dall’America del Sud, da un missionario spagnolo, in Europa. Ha attraversato l’Atlantico, dopo essere stata usata per secoli dagli indigeni precolombiani, ed è sbarcata sulle nostre coste come pianta medicinale, chiamata anche erba santa, per le sue potenzialità contro le malattie. Si diffuse molto rapidamente ovunque anche se diverse nazioni inizialmente ne combatterono la diffusione con delle leggi, poiché si accorsero di alcuni effetti collaterali (tosse, bronchiti…). Ma ben presto i governi capirono che potevano trarre molti più vantaggi dal garantirsi il monopolio del commercio delle sigarette, piuttosto che nel proibirlo. Il primo diritto esclusivo di vendita nacque in Francia nel 1674, mentre in Italia fu introdotto solo nel 1895; così facendo gli scaltri governi favorirono l’espandersi di questa pericolosissima abitudine.

Il tabacco è una pianta erbacea, annua, alta 1-2metri, con grandi foglie ovali e la sua coltivazione è molto diffusa in diverse parti del mondo. La lavorazione di questa pianta procede in quattro fasi:
1)fase di cura: le foglie raccolte sono poste ad essiccare, secondo diversi procedimenti (al sole, all’ombra, al fuoco), poi unite in mazzi e spedite alle manifatture;
2) fase di fermentazione: i pacchi di foglie sono passati alla concia, cioè immerse in un bagno zuccherino, i cui componenti sono tenuti segreti dai fabbricanti, poiché determinano il gusto delle varie marche;
3) fase di manifatturazione: la preparazione del trinciato, delle sigarette e dei sigari, nella loro esatta forma;
4) fase di stagionatura: i prodotti, già impacchettati, sono fatti maturare per brave tempo.

Oggi nel mondo esistono numerosissime varietà ed ibridi adatti a scopi diversi: le varie marche di sigarette si differenziano tra loro per la concentrazioni di nicotina, che è l’alcaloide principale del tabacco con effetti diretti sul sistema nervoso, e di catrame, cioè idrocarburi aromatici ma cancerogeni. Si diversificano anche nella varietà dei gusti, esistono sigarette al gusto di mentolo, al caffè, al grano… e non dimentichiamo che il tabacco non equivale solo alle sigarette, ma anche per i sigari, per il trinciato (prodotto non completamente lavorato) da pipa e da sigarette non preconfezionate. Esistono differenze anche nel modo di fumare: c’è chi aspira il fumo e chi no, ci sono coloro che assaporano la sigaretta e quelli che la bruciano con voracità, coloro che la fumano a metà e quelli che non la buttano finchè non gli bruciano le labbra ecc..

Il tabacco e il fumo del tabacco sono composti dai seguenti elementi:
nicotina, è un alcaloide molto tossico, ha l’aspetto di un liquido oleoso, incolore ed è il responsabile della dipendenza che si prova fumando una sigaretta, è quindi il diretto colpevole degli effetti del fumo sul sistema nervoso;

l’ossido di carbonio: è il veleno per l’apparato respiratorio, tutti gli organi più delicati ed attivi nella respirazione ne soffrono fortemente;
ossidi di azoto: sono molto irritanti per la mucosa, e provocano l’insorgere di tosse e bronchiti; catrame: idrocarburi aromatici, temibili per la loro azione cancerogena;
in minori quantità sono presenti anche cromo, arsenico ed elementi radioattivi.

Nel mondo, in un’ora, muoiono 560 individui a causa del tabagismo, e 4,9 milioni l’anno; nel 2020 diventeranno 8 milioni l’anno per poi salire sempre più di numero, in un escalation mortale. Solo in Italia s

Nicoletta TRAVAGLINI: San Michele Arcangelo.

La trasumanza, negli Abruzzi, è stata praticata da tempi remotissimi. Questa attività si diffuse nel VII secolo a. C., ma già nell’età del bronzo, la pastorizia rappresentava l’unica fonte di sostentamento per “l’uomo della Majella”. Essa, dapprima, verticale, cioè ci si spostava, dai monti verso le valli, successivamente diventò orizzontale, dopo la pace forzata imposta dai romani, ci si trasferiva dagli Abruzzi verso la Puglia. I pastori e gli armenti si muovevano lungo sentieri chiamati “tratturi”; questi erano vere e proprie autostrade sterrate che si snodavano dall’Aquila fino a Foggia, che traboccavano di gente e torme di ovini.

Nel 1447 re Alfonso d’Aragona costituì la “Dogana della Mena delle pecore della Puglia”, con sede a Foggia, con la quale riordinò e riorganizzò questa attività, che stava diventando un grande affare commerciale per le casse dello stato, grazie alle dogane a cui si doveva pagare il pedaggio. I bracci tratturali più importanti da cui si diramavano altri secondari, erano, oltre al succitato Aquila – Foggia, chiamato tratturo del Re o tratturo Magno, vi erano: Centurelle – Montesecco, Celano – Foggia, Pescaseroli – Candela, Ateleta – Biferno.

Questi sentieri erano disseminati di “Pajari” che erano dei ricoveri per uomini e armenti costruiti con pietra a secco la cui struttura è simile a quello dei Tholos; erano alti circa sei metri, con il tetto a falsa volta, ottenuto attraverso la sovrapposizione ellittica di pietre calcaree non lavorate.

Lungo questi sentieri erano nati anche dei templi pagani dedicati alle più disparate divinità, riconducibili, sempre, alle dee dell’abbondanza, come la Grande Madre, divinità femminile universale, creatrice del mondo. Con l’avvento del cristianesimo, attraverso la sua opera di sincretismo, questi luoghi furono riconvertiti in chiese o abbazie.

Molti di questi culti erano celebrati in grotte, anfratti o fenditure della montagna; essi, poi, divennero santuari di santi cristiani, in primis la Vergine Maria e San Michele, il capo delle milizie celesti.

Il culto dell’Arcangelo, fu importato dalla Puglia, insieme con quello di San Nicola. San Michele divenne popolare nel Italia meridionale, quando, secondo alcune leggende, Egli sarebbe apparso sul Monte Gargano, alla fine del 400 d. C.

La sua venerazione nasce in Oriente, ma già nel VII sec. a Roma vi erano dei luoghi di culto a lui dedicati. Molti toponimi, in diverse parti d’Europa, deriverebbero da una sua apparizione come: Mont Saint-Michel in Francia, St. Michael’s Mount in Inghilterra o Stoccarda, solo per citarne alcuni. A Roma, durante una delle tante epidemie di peste del passato, pare che l’Arcangelo Michele sia apparso sul Mausoleo di Adriano mentre rinfoderava la spada, come simbolo del cessato pericolo; a questo prodigio assistettero tra le tante persone anche l’allora papa San Gregorio I; da quel momento quel luogo fu chiamato Castel Sant’Angelo.

Il suo nome significa, secondo alcune fonti, “Chi come Dio?”, altri sostengono che l’etimo del suo nome significhi “Dio Guarisce”; comunque sia Michele è colui che diffonde la parola di Dio facendola rispettare a volte in maniera anche coercitiva; egli è il tramite tra mondo fisico e metafisico, tra Dio e gli uomini.

L’arte sacra ha rappresentato, questo Santo Guerriero così: con le ali, come la Vittoria alata, con una lucente armatura ed ha anche una spada e una lancia con le quali sconfigge il male, Satana che gli appare sottoforma di drago; a volte viene raffigurato con una bilancia con la quale pesa le anime, le più leggere, quindi prive di gravi peccati andranno in Paradiso, quelle appesantite dal peccato andranno all’inferno.

Molte sue caratteristiche sono simili al dio pagano Mercurio, nome latino del dio greco Ermes, che nacque da una relazione tra Giove e Maja, in un cavità del monte Cillenio. Alcune ore dopo essere venuto al mondo, sul far del mezzodì, egli lasciate le fas

Ricerche, Studi, Tesi e Saggi