Archivi categoria: Archeologia

Michele Zazzi. Il palazzo etrusco di Murlo.

A seguito di ritrovamenti occasionali (frammenti di terrecotte, ceramiche, bronzi, etc …) sulla cima di Poggio Civitate, situato su di una collina del Comune di Murlo (SI), a partire dal 1966 sono state effettuate numerose campagne di scavo. All’esito di decenni di ricerche sono stati rinvenuti, tra l’altro, i resti di un edificio caratterizzato da due fasi costruttive, rispettivamente, del periodo orientalizzante e di quello arcaico…

Leggi tutto nell’allegato: il palazzo etrusco di Murlo

Autore: Michele Zazzi – michele.zazzi@alice.it

Michele Santulli. Il colossale saccheggio.

Un volume non sarebbe sufficiente non ad elencare ma solamente a citare gli episodi e le cronache che costituiscono il grande saccheggio di opere d’arte: la visita ad un qualsiasi museo transalpino ad un certo momento porta a chiedersi: quante opere italiane! Come possibile? Dove sono i controlli? …

Leggi tutto nell’allegato: IL COLOSSALE SACCHEGGIO

Autore: Michele Santulli – michele@santulli.eu

Cinzia Loi, Archeologia rurale. Palmenti rupestri delimitati da ortostati e muri a secco.

Se da un lato le ricerche sull’archeologia della vite e del vino nell’isola si sono notevolmente sviluppate in questi ultimi anni, dall’altro rimangono aperti numerosi interrogativi legati non solo alle origini e alle modalità della domesticazione della vite, ma anche alle metodologie di produzione del vino.,,

Leggi tutto nell’allegato: Palmenti rupestri delimitati da ortostati e muri a secco

Autore: Cinzia Loi – loicinzia71@gmail.com

 

Pasquale Scarnera. Un’ipotesi per il complesso rupestre di “Capotenda”, Gravina di Puglia.

Ad ovest del Complesso Rupestre del “Padre Eterno”, affacciato ad est, si trova il Complesso Rupestre di “Capotenda”.
A differenza del precedente, questo complesso non è mai stato oggetto di scavi sistematici, nonostante la presenza, in superficie, di numerosi elementi architettonici che depongono a favore di un uso intensivo dell’area, nell’antichità: sono infatti evidenti numerose fondazioni di case o di edifici di altra natura, che fiancheggiano la strada che conduce al torrente.

Leggi tutto nell’allegato: UNA IPOTESI PER IL COMPLESSO RUPESTRE DI “CAPOTENDA”, GRAVINA IN PUGLIA

Autore: Pasquale Scarnera – linosca@questacitta.it – Psicologo Clinico, Cooperative Sociali “Questa Città” e “Campo dei Miracoli” di Gravina in Puglia (BA).