Giuseppe Costantino BUDETTA, Il sistema talamo striato nell’uomo, scimmia e in altri mammiferi.

Il sistema di  autoregolazione emodinamica porta verso il cervello maggiore quantità di O2 nelle aree neuronali con maggiore attività.


Questo cosiddetto livello dipendente di ossigenazione sanguigna o bold effect è la base fisiologica del successo della metodica d’indagine MRI.


Le ricerche di Lovick et all. (1999), riguardano le connessioni tra architettura neuronale e arteriole di supporto.


Gli autori hanno studiato una regione profonda dell’ippocampo (regione CA1), nel Ratto evidenziando correlazioni funzionali ed anatomiche tra flusso sanguigno locale e strutture nervose.


Gli autori descrivono le strette connessioni tra citorachitettura neuronale e densità arteriolare di supporto. Singole cellule piramidali sarebbero da considerare come unità metaboliche.


Lo studio completo si trova nell’allegato.

Autore: Giuseppe Costantino Budetta

Email: giuseppe.budetta@alice.it

Allegato: IL SISTEMA TALAMO STRIATO.pdf