Gon. CARELLI (1818-1900) Ciociara in piedi. Olio su tela, 72x48 cm.

Michele SANTULLI. La nemesi della storia e il costume ciociaro.

La pittura da sempre è stata occupata e dedicata ai Cristi  e alle  Madonne e ai Bambinelli e ai Santi o alla Mitologia o alla Accademia o ai paesaggi o ai ritratti cioè sempre alle varie forme di…potere, sia esso religioso sia esso politico sia esso economico; quando nei paesaggi nel 1500 e 1600  apparivano, rarissimamente, i contadini o la gente comune, erano quasi invisibili, persi nel paesaggio ridondante:  nella veramente speciale e floridissima pittura fiamminga ed olandese del 1600, la sola ad aver dato spazio a  tutte le categorie sociali e a tutti i comportamenti, anche  ai più intimi, l’ispirazione è differente: il popolo in tutte le sue emanazioni e i contadini sono rappresentati in primo piano sulla tela anche se deformi e minuscoli, dei brutti nani, seduti attorno ai tavoli delle osterie o del matrimonio, che ballano sull’aia o pattinano sul ghiaccio!

Leggi tutto nell’allegato: LA NEMESI DELLA STORIA. IL COSTUME CIOCIARO