salassi

Giuseppe PIPINO. Le evidenze del limes romano anti Salassi fra Canavese e Vercellese.

Alle falde meridionali dell’anfiteatro morenico d’Ivrea si trovano non pochi resti dell’antico sfruttamento (per lavaggio) di terrazzi alluvionali auriferi (Pipino 1990 e pubbl. succ.). Si tratta delle miniere d’oro che, come racconta Strabone (L. IV, 6,5 e 6,7), venivano sfruttate dai Salassi con le acque del fiume Dora, cosa che provocava liti con i contadini della pianura sottostante e diede pretesto ai romani per intervenire e impossessarsi delle miniere e di parte del territorio salasso, intonrno al 140 a.C…

Leggi tutto nell’allegato: Il limes romano anti Salassi

Autore: Giuseppe Pipino – info@oromuseo.com